Saldi & Sciopero

Photo by Jazztrain

21 thoughts on “Saldi & Sciopero

  1. istituirei il premio “patetico glamour del giorno”, ma anche della settimana, del mese e dell’anno, se necessario.
    oggi toccherebbe a redcac ché, pensando di parlar d’altre: “il guaio son queste nullità che si sentono coscienza morale del paese. Così come scrittori inconsistenti, almeno dal punto di vista dei contenuti, come il sig. Baricco, che fa i soldi adulando i lettori con quattro stupidaggini, ci sono, ben più numerosi, blogger come la ninfa, che non fa i soldi, non rimedia Apolli né neri né bianchi e, a ben guardare, è presa per il culo persino dai cicisbei.” non s’accorge che pennella un autoritratto di sé e dei suoi sodali che manco il miglior picasso avrebbe mai potuto.

    Mi piace

    1. Tra l’altro, è chiaro che per darne un così fedele ritratto, lui quella fregna moscia di Baricco deve leggerla con puntuale ed assidua voluttà. Farsi “adulare” da quell’impostore di Baricco fa un gran piacere anche a lui e ai suoi gusti grana grossa. Altro che. Che poi Baricco sia “inconsistente” deve averglielo rivelato una persona che esercita su di lui un forte ascendente. La cosa però non ha certo fatto diventare Cacasestesso un De Sanctis, né l’ha minimamente indotto a desistere da tanta povera lettura: ha solo fatto sì che da allora egli parli sempre male in pubblico di Baricco. Per questo ha nascosto in cantina (assieme alle serie intere di Geppo e Lando), ma spesso se li va a “rivisitare”, tutti i suoi libri, nel senso di proprio tutti quelli che Baricco ha pubblicato. Comprati anche grazie ad “anni di grette economie”, come diceva qui (http://www.youtube.com/watch?v=aUb-qLDJSBE) il buon Amedeo Battipaglia.

      Mi piace

      1. Per favore, non avete capito che è solo un mediocrissimo insegnante di Liceo? Come tutti i mediocri è convinto di essere un padreterno solo perché insegna Greco e Latino (Thorgen che di latino se ne intende sicuramente più di lui, lo ha ridicolizzato più volte) e pretende di essere pagato, non si sa per quale motivo, più dei suoi colleghi (l’unica cosa che gli interessa veramente nella vita sono i soldi e per quelli farebbe qualunque cosa) Credetemi, nemmeno i suoi studenti tengono in considerazione un personaggio folkloristico come quello lì.

        Mi piace

      2. Dimentichi Zora e Sukia, Zardoz: anche se red.cazz. preferisce darci di mano in cantina coi vecchi cataloghi Postalmarket, essendo da buon genovese troppo tirchio per comprarsi le riviste porno.

        Mi piace

  2. Ci chiediamo infatti con sgomento quali valori umanistici possa mai trasmettere ai suoi studenti uno come red.cac., che nel tempo libero si dedica a quel monumento di beceraggine che è “Topgonzo”: dandovi, per di più, un contributo non indifferente.

    PS: qui non si discute la Sua preparazione in latino e greco, Sig.red.cac., né la Sua capacità di insegnarli; ché in tali Sue doverose doti, ancorché per noi del tutto ipotetiche, vogliamo tuttavia confidare, nonostante scivoloni come quello – vergognoso – sui versi di Lucrezio: qui si discute la Sua comprensione della civiltà classica, della quale Lei palesemente non ha – in senso etimologico – capito un beneamato cazzo.

    Mi piace

  3. Chi invece ci rattrista – per lui, beninteso – mentre almeno un tempo ci divertiva è il povero Erasmo, ormai maniacale nel suo pervicace segnalare il presunto onanismo altrui: proprio lui che sulle mani deve avere più calli di un servo della gleba…

    PS: rassegnati, Erasmo: in fatto di donne abbiamo capito benissimo che sei tutto chiacchiere e mano libera.

    Mi piace

  4. Tra parentesi: come si possono chiamare dei blogger che si sono intestarditi per più fiate a segnalare link che non portavano da nessuna parte, dato che giravano su una piattaforma che all’epoca non funzionava da giorni?

    PS: e costoro sono gli stessi che hanno aperto un blog “dedicato ai fessi”, gesù…

    Mi piace

  5. thorgen, l’analisi è immediata:

    1) redcac è un frustrato dalla nascita
    2) erasmo è un disperato onanista
    3) parsifal è un povero scemo
    4) teddy, come si dice a napoli, “nun accusa e nun conta”

    Mi piace

  6. i vegliardi d’ospizio hanno riportato sul loro blog il seguente pensierino: Sul noblog del sig.Train, qualcuno ha scritto che noi abbiamo i seguenti difetti: frustrati, onanisti, poveri scemi, e infine gente che “nun accusa e nun conta”.

    volevo giusto far notare a costoro che, quelli elencati, erano i pregi e non i difetti, evidentemente omessi per non insozzar troppo ‘sto candido blog.

    Mi piace

  7. La ringrazio signor Longhi per il riguardo che ha nei mei confronti, dico solo che quello che lei ha scritto è la pura Verità. Questi della vita non si godono nulla. Una volta raccontarono come evento straordinario, una riunione serale che fecero i 4 sfigati a casa del più fesso del gruppo e raccontarono di una sontuosa cena che avevano fatto; inutile dire che il menù era ridicolo e che i vini facevano schifo. Per loro era un evento eccezionale, mentre non sanno che per me è la prassi essere a cena fuori con amici e amiche. Del resto chi inviterebbe a cena o a pranzo personaggi noiosissimi che sembrano i discendenti dei rusteghi goldoniani?

    Mi piace

  8. PS: eppure Erasmo qualche numero imbrattato di Le Ore mese da prestare al suo compagno di s…volevo dire di merende, deve avercelo sicuramente…

    Mi piace

  9. Caro Zardoz, se le va di scrivermi – cosa che mi farebbe oltremodo piacere – jazztrain ha la mia mail.

    Cordialità

    PS: alla facciaccia di m. dei topgonzi, ovviamente.

    Mi piace

  10. Tra parentesi: giorni fa ho lasciato nel blog di Erasmo un link a cose che avevo scritto qui, in quel periodo, su di lui: inutile dire che il cagone ha subito cancellato…

    Mi piace

I commenti sono chiusi.