L’aristocrazia dello swing

Dopo il Duca, c’è il Conte.