Omaggio a Ornette Coleman: Endangered species

Ornette Coleman: sax contralto

Pat Metheny: chitarra elettrica

Charlie Haden: contrabbasso

Jack De Johnette: batteria

Denardo Coleman: batteria

1985

6 thoughts on “Omaggio a Ornette Coleman: Endangered species

  1. 1. Chi è quel farabutto che si è permesso di suonare Coleman?
    2. Di che colore è la plastica?
    3. Esistono terapie per il pensiero sbandante

    Mi piace

    1. 1) Lei non capisce i concetti più elementari; si parlava dello stile musicale di Coleman del suo modo di suonare gli strumenti; lei non conosce l’ABC della storia del jazz e non mi stupisco del livello della sua domanda;
      2) Gialla Miss; le cito questo passo: “un tempo lasciato al celebre sassofono di plastica gialla.”
      http://nicovalerio.blogspot.it/2015/06/jazz-ornette-coleman-folle-anarchico.html

      Questo non lo so, le posso dire che contro l’imbecillità persino Dio è impotente.

      Mi piace

      1. Nota della Redazione: il sig.Train aveva cominciato numerando, ma alla terza frase la sindrome del moscerino del vino ha avuto il sopravvento.

        Mi piace

      2. Signor Erasmo, come mai si sente chiamato in causa quando si parla di imbecillità umana?

        Avrà forse letto quello che dice di lei e dei suoi compari di merende Umberto Eco?
        Parlava proprio della vostra imbecillità….🙂

        Mi piace

  2. Caro signor treno, LEI ha scritto che qualcuno – non so chi – suonava Ornette. Non cerchi di proiettare sugli altri la sua imbecillità, la sua idiozia, la sua cretinitudine, il suo mastodontico ritardo mentale, la sua totale ignoranza della lingua italiana.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.