Oi dialogoi

Il fascino del dialogo filosofico da Platone ad Erasmo….

Erasmo: “Il sig.Train è racchio e sfigato, ma qui stava filosofeggiando, e le ricordo che anche il sig.Kant non era un adone, e si faceva un mucchio di seghe.”

Coprorubio: “Ha fatto bene a ricordarmelo. E’ sulle orme del sig. Kant che il sig. Train è diventato segaiolo impareggiabile. E come sempre l’allievo ha superato il maestro.
Ma di brutto, lo ha superato.”

Erasmo: “Però il sig.Train dovrebbe anche scrivere un trattatello sulle seghe, come fece il suo maestro.
Noi promettiamo di pubblicarglielo, sig.Train.”

Parsifal:  “Scusate, ma Kant non diceva che le seghe erano peggio del suicidio?”

Erasmo: “Certo. ma se uno sente il bisogno di scrivere un saggio per stigmatizzare i segaioli, stai tranquillo che è uno che si amanetta a sangue.”

Manco un personaggio trash come Er Monnezza poteva concepire un dialogo filosofico di altissimo livello come questo; il signor Erasmo ed i suoi degnissimi compari di merende sono ben peggiori del Monnezza, magistralmente interpretato dal grande attore Tomas Milian …

Suggerirò a qualche editore di pubblicarlo, simile capolavoro non può rimanere nascosto…

Un esempio del Monnezza Style…

3 thoughts on “Oi dialogoi

  1. Utile precisazione, sig.Train.
    Però adesso devo darle un grande dolore: Erasmo da Rotterdam è morto da qualche tempo. Controlli sul fido Bignami.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.