Un po’ di mare

Non fa mai male….

I  compari di merende possono andare al mar ligure se vogliono rinfrescarsi dalla calura, mentre lui e teddy sono costretti a schiattare dal caldo

Porto Istana

Le auguro sinceramente di schiattare dal caldo con tutto il cuore visto che si trova a Milano, Signor Erasmo.

🙂

12 thoughts on “Un po’ di mare

  1. Ignoro in base a quali informazioni il sig.Train mi localizzi. Lo ringrazio per il signorile augurio, ma lo informo che oggi esiste l’aria condizionata

    Mi piace

    1. Se è per questo, signor Erasmo, c’è un sacco di gente che ha incidenti domestici con esiti letali, e su questo si potrebbe discuterne all’infinito sui casi di decesso.
      In ogni caso, l’aria condizionata non le fa bene, le auguro solo di non ammalarsi.

      Mi piace

  2. Sig. Train, sul doppio complemento ormai non le facciamo più osservazioni, visto che sarebbe come fare la danza della pioggia. Ma addirittura triplo? E’ un caso che in natura si può paragonare allo scontro fra due meteoriti.

    Mi piace

  3. Lei continua a confezionare regole pro domo sua, sig.Train. La verità è che lei è refrattario al semplice concetto di public servant. Il fatto che lei sia in buona -anzi, cattiva- compagnia, accomunato a moltissimi impiegati pubblici che vogliono solo diritti e non doveri, non rende meno giustificata l’istanza dei cittadini-contribuenti, che pretendono di sapere che fine fanno le tasse che pagano. Vuole i nomi e cognomi di milioni di contribuenti? Si prenda gli elenchi telefonici di tutta Italia, e cominci a leggerseli.

    Mi piace

    1. Santi numi, signor Erasmo, proprio lei parla di etica della responsabilità, quando è il primo a sfuggire alle proprie, grazie all’anonimato?

      Che valore hanno le sue critiche se non ha il coraggio di presentarsi in pubblico mostrando al mondo la sua vera faccia? Io non devo rispondere a lei, ad un signor nessuno che tromboneggia dall’alto della sua supponenza, io rispondo solo ai miei veri datori di lavoro e lei non è tra questi.

      Addendum: e non offenda per cortesia con la sua supponenza, perché tutti siamo contribuenti, ed io lo sono sicuramente più di lei, basti vedere solo le trattenute che pago mensilmente.

      Mi piace

I commenti sono chiusi.