Lettera aperta a Luigi Castaldi alias Malvino

Luigi Castaldi: “Non so chi l’autorizzi, gentile Marano, a farmi da interprete. In ogni caso interpreta male: sul mio reader ho letto il post “Un popolo di poeti”, mi è sembrato acuto e brillante, sono venuto qui a segnalare il mio consenso.”

Gentile Malvino, non sono il suo interprete e non pretendo di esserlo.

Le dico solo che lei ha preso un granchio colossale perché non sono io l’autore del commento farlocco. Strano che un veterano della blogosfera sia caduto in questo errore e che si sia  fatto imbrogliare da un fake; pazienza, succede quando  si ha a che fare con tristi personaggi che si divertono a raggirare la buonafede del prossimo, come è testé accaduto a lei.

Cosa vuole, caro Malvino, dovrebbe sapere meglio di me che i troll blog sono gestiti da personaggi inaffidabili e che a costoro non è sembrato vero di essersi presi gioco di lei.

Già questo dovrebbe indurla ad una seria riflessione sulla correttezza dei suoi interlocutori ai quali ha dato, sempre in buonafede, credito e credibilità.

Jazztrain, quello vero, non il fake che l’ha turlupinata.

P.S  Quando vorrà giocare con me una partita blitz è sempre il benvenuto.

Addendum: Fake: utente di un newsgroup, di un forum o di una chat, che falsifica la propria identità mentendo sulla propria condizione, sulle proprie competenze professionali, sulle proprie idee politiche o religiose, oppure assumendo il nickname di un altro utente allo scopo di danneggiarne la reputazione o di ottenere qualche vantaggio.

51 thoughts on “Lettera aperta a Luigi Castaldi alias Malvino

  1. Mah, non capirò mai cosa la induca a perdere tempo in questo modo. L’affermazione di se stessi prescinde dal riconoscimento altrui. E meno male. Che gliene frega di costui?!

    Mi piace

    1. E cosa vuole che sia?! La gente parla, comunque, di lei o di qualcun altro. le dà così fastidio essere un argomento di conversazione? L’unica cosa che se ne deduce è che uno che preferisce parlare di qualcun altro anziché di se stesso, non si reputa un argomento di conversazione interessante. Io ne sarei lusingata: di certo, non perderei tempo a scoprire le generalità di uno che reputo un idiota e di cui non ho nessuna stima. Tanto, anche arrivando a conoscerlo personalmente, non approfondirei mai la sua conoscenza al punto di ritenerlo un amico. Per quanto mi riguarda, per quello è necessaria una profonda stima. Insomma, tutto il suo impegno avrebbe un senso se la gente scorretta la sputtanasse a tutela di altri. Così come sta gestendo la cosa, sembra una noiosissima partita a scacchi che, in teoria, dovrebbe riguardare solo voi due.

      Mi piace

      1. C’è un equivoco di fondo: il blogger Malvino ha erroneamente attribuito a me (non a caso mi ha chiamato per nome) un commento che non ho mai scritto perché l’autore del commento incriminato è un fake.

        Per evitare altri equivoci nei quali potrebbero cadere in buonafede altri blogger, ho scritto questo post, dicendogli sostanzialmente che ha sbagliato perché ha dato credito a personaggi che sono notoriamente scorretti e innaffidabili. Nessun intento polemico nei suoi confronti perché provo sempre grande rispetto nei confronti di Malvino.

        Mi piace

          1. Niente affatto: non accetto che si dica il falso nei miei confronti. Se qualcuno attribuisce a me un commento che non ho mai scritto allora, smentirlo, diventa un dovere.

            Mi piace

            1. Su Internet la reputo una fatica improba. E inutile, tutto sommato, visto che le affermazioni tarocche sono all’ordine del giorno. Non bastasse, la maggior parte della gente prende per vera ogni stronzata che legge. La sua mi pare una battaglia contro i mulini a vento. Inoltre bisogna mettersi allo stesso livello di chi si disprezza, per contestarlo. Non è da me.

              Mi piace

                1. Io no. O meglio, l’ho fatto solo all’inizio della mia esperienza virtuale, pagandone amaramente le conseguenze. Ma mi rallegro di non essermi fatta mai un’opinione di qualcuno basandomi su quello che mi raccontava qualcun altro. Né nella vita reale, né nell’esperienza virtuale. E me ne vanto.

                  Liked by 1 persona

        1. Ma usa i commenti miei. Forse perché non sa scriverne di suoi? O vuole sminuire i miei, facendoci sopra della facile ironia? In ogni caso, qualsiasi fine abbia, non riesce ad ottenerlo se non con le mie, di parole. Un poveraccio bisognoso di stampelle, insomma. Lo storpio del suo blog che si unisce ai nani e alle ballerine della sua piccola corte dei miracoli.

          Mi piace

          1. Lei può fare tutte le considerazioni che vuole, sul sig. Salvano. Non ne farò io, perché il tema del post è l’indentità (per quanto possa un nickname avere tale valenza), e a questo intendo attenermi.

            Mi piace

            1. Allora non mi riguarda, avevo ragione. Né me, né nessun altro, se non voi due. Io non ho problemi di identità. Non ne ho mai avuti.

              Mi piace

              1. Non so cosa lei voglia intendere con “riguardare”. Comunque sia, è un dato irrilevante. Dico solo che sig. Salvano è sullo stesso piano “identitario” dei sigg. Train, Erasmoz, Thergen e Merdoz.

                Mi piace

                1. In teoria, mi riguarda, visto che il suddetto si appropria di ciò che scrivo e lo mette a nome suo. in pratica, no: ho sempre sostenuto che ciò che esce dal tuo cervello e finisce su una pagina diventa di tutti , automaticamente, di nessuno. Però non posso farci niente, è una vita che compatisco chi non ha pensieri suoi e copia quelli altrui.

                  Mi piace

  2. Quel termine lo conosco, almeno da quando mi incuriosì questa canzone. (Rabbrividisca!)

    Sarebbe interessante conoscere la storia di questa parola, per vedere come il significato si sia esteso al campo virtuale. Credo che approfondirò.

    Ah, non so quanto posa interessarla, ma c’è un tizio (e non credo sia l’unico) convinto che sia aggressiva per quello stesso motivo che descrive. Non mi abbasserò mai a contestargli quello che crede della sottoscritta. E’ affar suo.

    Liked by 1 persona

  3. Ho notato che ha nuovamente cambiato aspetto al blog. Sa chi mi ricorda?L’occhiocotto che fa avanti indietro con rametti e fili d’erba nel becco, in primavera. Sta costruendo il nido, per caso?

    Mi piace

      1. Io non sarei così tranchant. Giocherei, sì, sull’ambiguità, lasciando aperto uno spiraglio alla… evenienza. In termini meramente tecnici si chiama “coltivare giardinetti”.

        Mi piace

          1. Io gliel’ho detto che noto sempre una punta d’acredine nei commenti del signor marcoz che la riguardano. Per me, è invidia. Non capisco di cosa, lo saprà lei.

            Mi piace

      1. Ma no, confermo. E’ solo molto noioso. I commenti, poi, una tragedia.

        Senta, crede che l’anonimato virtuale ne risentirebbe molto, se mi dicesse come si chiama di nome?

        Mi piace

        1. I commenti, che vuole che siano? Ogni tanto anch’io ne scrivo qualcuno in altri blog che viene arbitrariamente estrapolato, manipolato, copiato ed incollato e messo fuori contesto. Non capisco poi, per quale motivo c’è chi perde tempo ad analizzare al microscopio i commenti di tizio, di caio e di sempronio e che cosa si voglia dimostrare.

          Anch’io ho notato che nel 99% dei casi i commenti sono inutili perché chi commenta ama pavoneggiarsi ostentando saccenteria in un contesto nel quale si fa solo chiacchiere da bar.

          Come le dissi tempo fa, siamo tutti bravi a dirigere i destini del mondo affrontandone i massimi sistemi dietro la tastiera di un PC, vorrei vedere coloro che credono di essere dei Soloni cimentarsi nell’attività pubblico-amministrativa e nella politica pratica; nel 99% dei casi non sarebbero in grado di affrontare i problemi perché non hanno la minima idea di come funzioni la macchina amministrativa di un Comune e non saprebbero come intervenire.

          Mi piace

          1. Oddio, un altro che fa il misterioso, che palle …Senta, non trova sia incoerente fare tanti misteri e poi dannarsi per mandare per aria i misteri altrui?

            P.S. il suo nome è così pubblico che non lo so. Se vuole, provveda; altrimenti, cambia poco.

            Mi piace

        1. Non credo che sia farlocco; se fosse stato tale avrei avuto una smentita immediata da parte dell’interessato, smentita che non è mai arrivata a distanza di cinque giorni dalla pubblicazione della lettera aperta a Malvino.

          Se noti bene, è stato citato il mio nome, non il mio nickname e dopo la pubblicazione del commento firmato Luigi Castaldi, il branco si è improvvisamente dileguato per qualche giorno. Un comportamento strano, non trovi?

          Mi piace

          1. Non sono convinto. Il tuo cognome lo conoscono anche loro e potrebbero averlo usato malignamente, sapendo cioè senza che nessuno possa ora con certezza attribuire a loro la mascalzonata (si tratta del loro blog e solo loro possono metterci mano). Malvino, per altro, potrebbe (cosa più che probabile) non aver mai letto quel thread. E poi: da cosa ti viene la certezza che Malvino abbia letto questa tua lettera aperta? Ne hai una qualche conferma?

            Mi piace

            1. 1) Malvino li nomina nel suo blog
              2) Ho spedito la mia lettera aperta tramite commento OFF TOPIC, Malvino ne conosce il contenuto.

              3) Non è la prima volta che li nomina elogiandoli.

              Lascia perdere, a tutti capita di fare refusi, non ti fare condizionare da quegli stupidi pedanti.

              Mi piace

I commenti sono chiusi.