Dopo Brunel

 

untitled rugby

 

E’ stato nominato come CT della nazionale italiana di Rugby  l’irlandese Conor O’Shea che sarà coadiuvato da Mike Catt, Campione del Mondo con l’Inghilterra e Stephen Aboud…

Ecco il comunicato ufficiale della FIR

 Federazione Italiana Rugby informa di aver raggiunto un accordo quadriennale con Conor O’Shea che ricoprirà dal primo giugno 2016 il ruolo di Commissario Tecnico della Squadra Nazionale e Responsabile della Nazionale Emergenti. Quarantasei anni il prossimo 21 ottobre, primo irlandese nella storia di FIR a guidare la Nazionale Italiana, O’Shea occupa attualmente la posizione di Director of Rugby degli Harlequins, club che nel 2012 ha condotto al primo titolo di Campione d’Inghilterra e con cui vanta anche una Challenge Cup ed una coppa anglo-gallese. In precedenza, tra il 2005 ed il 2008, ha ricoperto l’incarico di Direttore delle Accademie Regionali della Federazione inglese e, successivamente, ha assunto la direzione dell’Accademia Nazionale di Rugby Football Union. Il nuovo Commissario Tecnico, che succede a Jacques Brunel sulla panchina dell’Italia, si avvarrà della collaborazione di Giampiero De Carli per la posizione di tecnico degli avanti e dei punti d’incontro e di Giovanni Sanguin per la preparazione atletica.

 

Il ruolo di tecnico dell’attacco, delle skills e dei calciatori verrà ricoperto da Mike Catt (OBE), Campione del Mondo 2003 con l’Inghilterra, che ha già ricoperto la stessa posizione presso la Rugby Football Union sino alla  Rugby World Cup 2015 e che inizierà la propria collaborazione con FIR contestualmente ad O’Shea. Stephen Aboud, 53enne, oggi a capo della Direzione Tecnica della Irish Rugby Football Union, ricoprirà invece dal primo agosto la nuova posizione di Responsabile  della Formazione di giocatori di alto livello giovanile sino alla Nazionale Under 20, delle Accademie e di Responsabile della Formazione degli allenatori…..

7 thoughts on “Dopo Brunel

    1. Grazie dottore per i filmati testè postati; il motivo che la spinge a venire qui è forse quello di farmi chissà quale dispetto? Stia tranquillo, non me la prendo per queste piccinerie.

      Sono episodi antisportivi da condannare sempre, non da giustificare; tra l’altro con me sfonda una porta aperta:sono nettamente contrario ai comportamenti antisportivi.
      In ogni caso, l’incidenza con cui avvengono i fatti da lei riportati è molto ma molto più scarsa rispetto a quello che avviene di norma nei campi di calcio di tutto il mondo.

      Mi piace

      1. Il Dottor Prof. (trànghete!!) ha scoperto che non esiste sport – non il rugby, non il biliardo e neanche lo zipidì-zipidè-in-buca-c’è – che risulti praticato correttamente da tutti coloro che lo praticano. Gli diamo il benvenuto fra noi.
        I mie più calorosi e sinceri auguri di buona Pasqua a te, JT, e anche al Dr. Myollnir, naturlmente. Perché noi siamo buoni, vero JT? Non tarocchiamo i commenti, non li raschiamo, non ce li inventiamo, non lapidiamo nessuno, e (per dirla col grande Zavattini), quando diciamo buongiorno, intendiamo davvero dire buongiorno.

        Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.