La partita decisiva

La partita che ha deciso il 45° Campionato Italiano di dama internazionale, disputato a San Giovanni Rotondo dal 26/10 al 1/11, è stata pubblicata su questo sito

http://toernooibase.kndb.nl/applet/applettoern.php?taal=&Toid=1526&Kl=46

andate su Wedstrijde vi apparirà una damiera con la foto dei due protagonisti: Daniele Bertè che aveva il Bianco e Luca Lorusso che aveva il Nero. E’ possibile vedere tutte le mosse e analizzare con calma. Bertè ha giocato in modo timoroso mentre Lorusso ha conquistato l’iniziativa; nello zeitnot Lorusso commette una imprecisione che potrebbe costargli la vittoria permettendo a Bertè di pareggiare, ma…..

Il GM di Savona commette tartakowerianamente l’ultimo errore e, come accade negli scacchi, anche a dama internazionale vince chi fa il penultimo errore, perde chi fa quello decisivo.

Oltre al blog di Oscar Lognon, http://damlog.over-blog.com/ la vittoria del giovane triestino Lorusso è apparsa persino sul blog della Federazione Francese http://www.ffjd.fr/Web/index.php?page=forum

Approfitto dello spazio per ringraziare tutti i lettori che hanno seguito con un certo interesse l’assoluto di dama internazionale. Nel mio piccolo ho cercato di far propaganda a questo sport della mente poco conosciuto nel nostro paese  che non ha nulla da invidiare al più prestigioso gioco della mente che sarebbe ovviamente  il nobil giuoco degli scacchi! Non immaginavo che avrei avuto buon seguito, non a caso i post più letti sono dedicati all’assoluto di dama internazionale, così come  non a caso il più letto è stato quello che ha dato in edizione straordinaria la notizia della bella vittoria di Luca Lorusso. Sono orgoglioso di quello che ho fatto e del successo ottenuto perché, se avessi voluto utilizzare scorciatoie tipo parlare male o calunniare qualche blogger, come purtroppo succede nella blogosfera, avrei avuto sicuramente più pubblico; tutti sanno che la spazzatura nonché l’offesa personale e gratuita attrae potenziali lettori anche quando in realtà non si ha nulla da dire o da proporre.  Molto più difficile conquistare un pubblico offrendo un blog di nicchia come questo che tratta essenzialmente di giochi della mente. Questo blog, che non ha certo e non vuole avere grandi pretese, nel suo piccolo propone dei contenuti. Onestamente non sono interessato a calunniare gli altri,  lascio l’ingrato compito all’inutile ozioso che, per ammazzare il tempo, produce spazzatura in quantità industriale.  Io, piuttosto, preferisco fare cose serie, ad altri lascio le loro umane  miserie.